Coding a classi aperte… cioè?

Ci interessiamo al coding perché ci interessano tutti i linguaggi, inclusi quelli delle cose… Abbiamo cominciato l’anno scorso a scoprire come gli algoritmi ci permettano di analizzare un compito passo dopo passo e di capirlo meglio. E di come si possano creare tanti algoritmi diversi per fare la stessa cosa.

Per farlo siamo stati in giardino, abbiamo esplorato la scuola, ci siamo spostati di aula/laboratorio in base alle strumentazione che ci serviva… Abbiamo sperimentato un nuovo gruppo, formato da bambini provenienti da tutte le (allora) classi terze. Questo per noi significa aprire le classi…

Quest’anno cogliamo la possibilità di continuare ed estendere questa esperienza con il progetto EDOC@WORK 3.0 che prevede il coinvolgimento di un maggior numero di studenti, a cui abbiamo affidato anche il compito di documentare ciò che accadrà attraverso questo blog.

Insomma, non ci occuperemo solo dei “linguaggi delle cose” ma anche di quelli delle persone che comunicano “attraverso le cose” nell’era di Internet.

Rimanete sintonizzati 😉

Maria Grazia Fiore

alunni Cosa facciamo al computer Comunicato stampa E

3 pensieri su “Coding a classi aperte… cioè?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...